Notizie

San Pietro in Campo: un ciclo di incontri sul tema delle migrazioni

18 Aprile 2024

2 minuti

A San Pietro in Campo, in provincia di Lucca, si tiene un ciclo di incontri di approfondimento per celebrare i 300 anni della parrocchia, con tante iniziative dedicate al tema delle migrazioni. Correva il 1723 quando il vescovo di Lucca (il Vicariato di Barga era allora sotto quella Diocesi) decretò l’autonomia della parrocchia di San Pietro in Campo.

Il calendario di appuntamenti dedicati a raccontare gli aspetti storici e spirituali di questo anniversario, è stato costruito da un Comitato sorto nel 2023 con lo scopo di organizzare iniziative e momenti di riflessione intorno a questa importante ricorrenza, le cui celebrazioni proseguono nel corso di un Anno Giubilare che andrà a concludersi in ottobre 2024.

L’incontro che si è tenuto mercoledì 17 aprile aveva come titolo “Chi viveva qui: le famiglie, i mestieri e l’emigrazione”. I relatori, Manuele Bellonzi ed Eugenio Monticelli, partendo dai documenti conservati nell’archivio parrocchiale, in quello anagrafico e in carte di archivi privati, proveranno a ricordare le antiche famiglie che, dalla fondazione della Parrocchia, vivevano nelle località di Sigliari, Nebbiana e Mologno. Molte famiglie, che dettero i nomi che ancora oggi rimangono a vari casali sparsi per la campagna di San Pietro in Campo, furono poi i testimoni dell’emigrazione ottocentesca.

Grazie alla collaborazione di alcuni discendenti di emigranti, prevalentemente in Scozia e Stati Uniti, si presenteranno cenni di figurinai e venditori di fish and chips che hanno fatto la storia di questa comunità. L’arch. Pietro Luigi Biagioni, direttore della Fondazione Paolo Cresci, ha introdotto la serata, che può essere recuperato attraverso la diretta streaming di Facebook sulla pagina dell’Unità Pastorale di Barga.

Altre news

  • "Io Scrivo - Le Radici Invisibili": parte a Firenze il laboratorio permanente delle radici a cura di Italea Toscana

    Parte a Firenze il laboratorio permanente delle radici a cura di Italea Toscana! Il laboratorio permanente di scrittura “Io Scrivo – Le Radici Invisibili”, organizzato da ETS Tuscan Roots, è un’esperienza unica e immersiva che permette ai partecipanti di esplorare e documentare le proprie radici e storie familiari. Disponibile presso la sede legale dell’ETS, a […]

    LEGGI DI PIÙ
  • Garfagnana: Radici, Identità e Memoria

    “Garfagnana: Radici, Identità e Memoria” è un cartellone di iniziative realizzate dall’Unione dei Comuni della Garfagnana, attraverso i cinque Comuni partecipanti al Bando Ministeriale per l’Anno delle Radici Italiane nel Mondo durante l’estate e l’autunno 2024. Ecco una descrizione sommaria di ciascun evento in fase di organizzazione, che sarà oggetto di ulteriore sviluppo e comunicato in […]

    LEGGI DI PIÙ
  • 5 piatti tradizionali toscani: viaggio tra sapori invernali

    I piatti tradizionali toscani sono una delle gemme culinarie dell’Italia, celebrata per la sua semplicità, autenticità e l’uso sapiente di ingredienti locali di alta qualità. Questa tradizione gastronomica è radicata nella storia e nella cultura della regione e rappresenta una fusione del gusto rurale e aristocratico, creando piatti che esaltano i sapori naturali dei prodotti […]

    LEGGI DI PIÙ
  • La tradizione del Ceppo di Natale in Toscana

    La tradizione del Ceppo di Natale è una delle più ancestrali collegate al periodo delle festività invernali. L’usanza prevede che un grosso tronco di legno (chiamato appunto ceppo o ciocco) venga fatto bruciare per tutta la notte della Vigilia di Natale nel camino, in alcuni casi arrivando addirittura fino all’Epifania. L’accensione del fuoco veniva accompagnata […]

    LEGGI DI PIÙ